AQUAFARM 2017 – Programma Conferenze con Video

Aquafarm 2017: la vertical farm sbarca in Italia

Aquafarm 2017 ha riunito professionisti del mondo dell’acquacoltura e del vertical farming.

Alle conferenze, divise in due sale per ambito, hanno partecipato esperti del settore, ma anche studenti ed appassionati.

Ecco per voi riassunto il programma della sala dal tema #Vertical Farming “Novel Food”

GIOVEDì 26 GENNAIO – MATTINA

Ad introdurre e moderare il nostro stimato collega Zief Van AckerDivisione Educazione della Association for Vertical Farming.

 

  • Il programma della mattinata, dal titolo “Il futuro e il presente dell’agricoltura“, si apre con l’intervento dell’emerito professore della Columbia U. Dickson Despommier (foto), il quale ci parla del concetto di Vertical farming: dalle tecnologie all’ambiente, dall’economicità ai benefici sociali di questo straordinario fenomeno. Ecco il video dell’intervento: Dickson Despommier @AquaFarm2017

  • Secondo oratore, il californiano Bill Barber, del centro innovativo di Intesa Sanpaolo, che ci illustra i trend relativi alla distribuzione e produzione di cibo-acqua-energia.

 

  • Segue Michele Pisante, Professore all’Università degli Studi di Teramo, che sposta per primo l’accento sul nostro bel Paese, trattando il tema “L’Italia della rivoluzione agricola e le applicazioni nella vertical farm”.

 

  • Francesco Fabiano Montesano (ricercatore CNR – ISPA) e Pietro Santamaria (ricercatore per l’Università degli Studi di Bari) entrano più nello specifico, analizzando le motivazioni del perché si debba coltivare in v rerticale.

 

  • Carlo Bibbiani, Baldassare Fronte (entrambi ricercatori presso l’Università di Pisa) e Luca Incrocci (Coordinatore tecnico Dip. di Scienze Agrarie) compiono, invece, un ricco confronto tra i tre metodi produttivi in assenza di suolo che caratterizzano l’agricoltura 2.0: idroponica, aeroponica e acquaponica.

  • Verso metà mattina prende la parola il moderatore della conferenza, nonché nostro collega, Zief Van Acker (foto). A lui il merito di evidenziare quanto il vetical farming e le collaborazioni internazionali possano essere utili nel panorama mondiale. Qui il video del suo intervento: Zjef Van Acker @AquaFarm2017

  • Ora è il turno di Gabriella Funaro, architetto dell’ENEA e figura di enorme spicco nel panorama del vertical farming italiano, che ci illustra l’esperienza EXPO 2015 e l’importante eredità in materia di sostenibilità che questa ha lasciato. L’intervento prosegue con il racconto degli avvenimenti che hanno portato alla creazione della prima vertical farm italiana e degli sviluppi futuri in ambito “architettura sostenibile“. Qui il video del suo intervento: Gabriella Funaro @AquaFarm2017 

  • Segue Paolo Battistel – Consulente Internazionale per Ceres – con il suo speech dal titolo “Le potenzialità del vertical farming in Italia e nel Mondo”.

 

  • Leggermente più tecnico l’intervento successivo con Annalisa Giordano – Agronomo PhD – che ci parla di “Fertirrigazione e fertilizzanti per nuovi sistemi di coltivazione”.

 

 

  • Ultimo intervento della mattinata quello della brillante Diane Esvan (foto), giovane collaboratrice di V-Farm e di Association for Vertical Farming la quale analizza in maniera particolarmente interessante i possibili benefici delle alghe nel vertical farming (e non solo). Qui il video del suo intervento: Diane Esvan @AquaFarm2017

GIOVEDì 26 GENNAIO – POMERIGGIO

La sessione del pomeriggio, dal tema “A come AgriTeTtura = le tecnologie che uniscono agricoltura e architettura”, al contrario della mattina, sarà interamente in lingua italiana.

Ad introdurre e moderare in questo caso la nostra amica e collega Aurora Marin (consulente associato Studio Comelli).

 

  • Apre le danze Roberto Tognetti – Architetto, coordinatore nazionale iperPIANO – con un interessante intervento dal titolo “Riconversioni produttive di paesaggi e architetture industriali”.

 

  • Il secondo relatore è invece lo stimato amico Matteo Benvenuti (foto) – Ingegnere civile, progettista specializzato in progettazione architettonica sostenibile e architettura urbana, fondatore del gruppo Vertical Farm Italia – il quale ci racconta la sua esperienza nella creazione di ben due prototipi funzionanti e autosufficienti di vertical farm. Qui il video del suo intervento: Matteo Benvenuti @AquaFarm2017 

  • Segue Davide Balbi – CEO & Founder, ImpattoZero Srl – con uno speech dal titolo “OpenAgri: un polo agricolo di eccellenza alle porte di Milano con l’acquaponica al centro”. Qui il video del suo intervento: Davide Balbi @AquaFarm2017 

  • Interessante anche il tema affrontato da Beno Biundo (Presidente, Cooperativa Empedocle) che presenta al pubblico il suo progetto “Acquacoltura Sostenibile Urbana” – L’acquaponica nella riqualificazione delle periferie metropolitane. Qui il video del suo intervento: Gianni Beno Biundo @AquaFarm2017

  • Segue Katia Parati – Responsabile Settore Acquacoltura, Istituto Speri-
    mentale Italiano Lazzaro Spallanzani – che offre uno spunto intrigante riguardo la “Conversione a colture microalgali ad elevato valore aggiunto per la riqualificazione di serre florovivaistiche”.

 

  • Molto attuale la presentazione di Giuseppe Marinelli De Marco – Professore Arch. ISIA di Roma, MIUR – e di Marinella Pignat – AD, Sensitive Surface – “Dalle Smart Cities all’Agricoltura Verticale: esperienze di Social Innovation in cammino”.

 

Si conclude così anche la seconda sessione di interventi a cui fa seguito, praticamente senza pausa, la terza e ultima avente tema:Una soluzione per diversi problemi e molte opportunità.

Introduce e modera  Bartolomeo Uccio Pazienza – Esperto in marketing e sistemivavanzati in aeroponica ed idroponica, Business Plan e Analisi del rischio finanziario.

 

  • Prende nuovamente la parola per illustrare uno scenario evolutivo del nostro paese l’architetto ENEA Gabriella Funaro (foto), con uno speech dal titolo:”La città che si nutre: la vertical farm per alimentare le aree urbane”.

 

  • “Vertical Farm: dal grattacielo all’elettrodomestico” è la stuzzicante analisi tecnica di Massimo Lucchini – Legale rappresentante, Lucchini Idromeccanica.

 

  • Segue il prospetto di Antonio Ferrante – Professore Associato, Università degli Studi di Milano – riguardo “Ortaggi in idroponica per la IV gamma”.

 

  • Ultimo trattato della giornata: “I vantaggi esclusivi del vertical farming per una produzione a pesticidi e anticrittogamici zero”, di Giuseppe Distefano – Tecnico di laboratorio di chimica, Istituto Principi Grimaldi.

 

@TAVOLA ROTONDA 

Il gran finale prevede una interessantissima chiacchierata tra Paolo Battistel, Marco Gratta e Davide Balbi che riflettono e fanno riflettere sugli spunti argomentati durante la giornata.

 

Una giornata a dir poco ricca di contenuto, interessante sia per il presente che per il futuro del nostro paese, come del pianeta.

Tag:, , , , , ,

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

0 shares

My Newsletter