Un giorno a Singapore

Picture of the Gardens by the Bay in Singapore

Questa città è unica.

Unica come grado di integrazione e rispetto delle leggi.

Unica come sinergie tra differenti culture.

Unica come grado di innovazione, sanità ed educazione.

Per certi versi la città perfetta.

 

Grazie ad un ambiente favorevole è potuta nascere e crescere una società che mira allo sviluppo economico sostenibile. Non a caso, Singapore è la città con la più alta concentrazione di innovazioni tecnologiche al mondo.

Tra queste non poteva mancare certamente l’utilizzo sempre maggiore di tecniche di Indoor & Vertical Farming. Dal 2011 ad oggi la Città-Stato è, infatti, stata culla di innumerevoli realtà e l’Urban Farming è considerato come un’eccellente soluzione all’assenza di terra coltivabile e alla necessità di cibo fresco.

 

UNA GIORNATA TRA LE VERTICAL FARMING DI SINGAPORE

Ho appuntamento con un contatto per colazione. Arrivato nel luogo concordato, trovo Lionel ad aspettarmi. Mi accorgo subito che a Singapore il concetto di puntualità differisce da quello italiano.

Di gran lunga una delle più belle persone che abbia mai conosciuto.

VFI, Highstreet Farming & Upgrown Farming

Lionel (a destra nella foto) svolge consulenza nell’ambito della agricoltura tecnologica che sfrutta lo spazio in verticale. Esattamente come noi di Vertical Farming Italia. L’unica differenza è che loro hanno iniziato ben 5 anni fa!

Lionel, ha fondato UpGrown Farming con alcuni amici, proprio come è capitato a noi. Partiti dall’oriente, ora svolgono consulenza in tutto il mondo.

Dopo avere assaporato un caffè sorprendentemente buono, io e Lionel ci dirigiamo da un suo cliente.

 

HIGHSTREET FARMING

John, fondatore di Highstreet Farming, mi accoglie con grande cortesia all’interno della sede operativa.

Vertical Farming Italia visit Highstreet Farming @SingaporeGrazie ad una serie di coltivatori che sfruttano la tecnologia idroponica in verticale, John produce diverse varietà di vegetali, che vende ai ristoranti della zona, molto felici di poter servire ai propri clienti prodotti freschi ogni giorno.

Vengo invitato ad assaggiare qualche coltura, tra le quali la pianta del wasabi e la “lattuga cristallina” (crystalline ice lettuce), entrambe squisite.

Tutte le colture mi sono sembrate perfettamente in salute e il sapore ha confermato le mie precedenti certezze. Ossia:

coltivare in spazi chiusi e controllati, senza l’utilizzo di pesticidi e senza la contaminazione di agenti patogeni esterni permette di produrre ovunque cibo dall’altissimo livello qualitativo.

Ecco a voi in esclusiva l’intervista con John Wee:

Non mi resta che congedarmi dai miei nuovi amici, ringraziandoli per la cortese accoglienza.

 

AEROSPRING GARDENS

Il pomeriggio si rivela altrettanto interessante.

Ho appuntamento con Nadine e Thorben Linneberg (foto), una carinissima coppia di persone dalle origini differenti unite dalla passione per la coltivazione.

Vertical Farming Italia meet Aerospring Gardens @Singapore

Nadine e Thorben hanno creato, sviluppato e testato per ben 3 anni un coltivatore “a torre” per produrre vegetali praticamente ovunque. Dal proprio cortile, all’interno della propria abitazione.

Fino ad ora hanno venduto ben 1000 prototipi, 700 a Singapore e 300 all’estero. Sono in procinto di espandersi definitivamente anche in Europa e si sono trovati entrambi entusiasti all’idea di collaborare per portare i propri prodotti in Italia.

Il sistema è molto semplice. Ogni torre è appoggiata su una tanica da 75 litri. Con una pompa l’acqua ricca di nutrienti viene spinta verso l’alto e poi viene fatta passare sulle radici delle piante gravitazionalmente. Questo sistema è tanto semplice quanto efficace.

Vertical Farming Italia visit Highstreet Farming at Singapore

I coltivatori posti all’esterno dell’ufficio producono infatti ogni tipo di coltura, dal pomodoro ai peperoncini, dalla zucca al basilico. Ogni pianta appare in salute e dall’eccellente sapore.

Thorben e Nadine hanno ultimato da poco i test relativi all’illuminazione artificiale collegabile al coltivatore. Questo darà la possibilità di “coltivare” anche in assenza di luce solare. Il prodotto comprensivo di led si può osservare nel video-intervista seguente:

Nelle pieghe della città si nascondono altrettate realtà interessantissime, ma dovrò lasciarne la scoperta ad una futura visita in quanto il mio tempo nella metropoli è assai limitato.

THE GARDENS BY THE BAY

Concludo il mio breve soggiorno nella metropoli orientale visitando lo straordinario parco Gardens by the Bay, la quale visuale dall’alto si può ammirare nell’immagine sottostante.

Picture of the Gardens by the Bay in Singapore

 

All’interno delle due cupole che si stagliano al confine del parco è possibile ammirare due differenti scenari.

All’interno del primo è stato ricreato un clima equatoriale con tanto di cascate artificiali e una varietà di piante sconvolgente, se si pensa di essere all’interno di una città.

Picture inside of Gardens by the Bay in Singapore

All’interno della seconda cupola, sono stati riprodotti praticamente tutti gli ecosistemi presenti al mondo. Dal cactus all’olivo, dal tulipano al pino silvestre. Sicuramente uno spettacolo affascinante.

 

Picture inside of the Gardens by the Bay in Singapore

 

Esperienza unica in una città unica

Tag:, , , ,

Related Posts

by
Amore per natura, viaggi e pallacanestro. Economista con predilezione verso la sostenibilità e specializzato in Digital Marketing. Ideatore e co-fondatore di Vertical Farming Italia 🌿
Previous Post Next Post
29 shares

My Newsletter